Quanti di voi sono alle prese spesso con il proprio pollice verde per mantenere in un decente stato le piante che avete nella vostra casa o nel giardino all’aperto, e quanti di voi hanno visto morire decine di tipi diversi di piante per averle innaffiate troppo o poco?Scommettiamo che sarete in molti a rispondere in maniera affermativa a questa risposta, se siete tra questi dovete tranquillizzarvi, la tecnologia sta per venire in aiuto anche in questo campo e capire quando una pianta avrà bisogno delle nostre cure non sarà più un problema. Vediamo nel dettaglio il sistema ingegnato dalla società Botanicalls, il primo di una serie di prodotti ideati per migliorare l’interazione tra utenti e piante, il tutto in maniera tecnologica.

Botanicalls-tweet-piante


Botanicalls è una società formatasi nel 2006 e che è nata con questi obbiettivi principali:

1. Mantenere le piante vive traducendo i protocolli di comunicazione delle piante (abitudine, colore del fogliame, caduta, ecc) per i protocolli di comunicazione umane più comuni (e-mail, telefonate vocali, effetti grafici digitali, ecc.)

2. Migliorare la connessione delle persone verso le piante, ed esplorare i modi in cui le piante aiutano gli esseri umani, come prendersi cura di una risorsa condivisa in grado di creare un senso di comunità, e come la vita naturale è un prezioso contrappunto al nostro ambiente tecnico.

3. Mantenere il senso dell’umorismo in ogni situazione e circostanza.

Un atra le invenzioni di questa società riguarda un sistema elettronico che permette, attraverso sensori di umidità nel terreno vegetale, di identificare se la pianta risulta sopra o sotto-innaffiata. Ma non è certo tutti qui, l’impianto andrà ad inviare al proprietario un tweet o messaggio di altro genere avvisandolo sullo stato di salute della pianta. Attraverso dei semplici tweet potrete quindi essere avvisati sul livello di innaffiatura della pianta e provvedere o meno alle azioni conseguenti in maniera tempestiva, salvando così il vostro pollice verde.

| via


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: