Il Galaxy Gear potrebbe aver fallito nelle aspettative di vendita della leadership Samsung, con poco meno di un milione di unità rimaste invendute. Tuttavia la compagnia coreana non sembra essersi arresa nello sviluppare tecnologie indossabili.

samsung-galaxy-gear8


Sembra infatti che un team sia al lavoro per espandere la famiglia degli “indossabili” con un nuovo device chiamato provvisoriamente col nome di Galaxy Band. Ma c’è di più: a supervisionare il gruppo attualmente al lavoro sul progetto vi sarebbe un ex dipendente Apple che avrebbe lavorato su Siri.

Ci si chiede di cosa sarà esattamente capace Galaxy Band ed il Digital Daily di Seoul, in un suo rapporto, ritiene che si tratterà di un dispositivo fitness che racchiude una miriade di sensori, tra cui un sensore di movimento simile a all’M7 contenuto nell’iPhone 5s di Apple. Il dispositivo, simile ad un bracciale, sarebbe anche in grado di raccogliere dati sulla pressione, la temperatura, l’umidità e il movimento.

Anche un navigatore dovrebbe essere incluso, oltre alle caratteristiche di riconoscimento vocale. Il quotidiano conferma inoltre che il dispositivo sarebbe in sviluppo presso la divisione mobile di Samsung Electronics.

Inoltre, un team di esperti al Samsung Open Innovation Center di Silicon Valley sarebbe al lavoro per consentire al dispositivo di funzionare brillantemente con la Samsung Architecture for Multimodal Interactions platform (SAMI). Si tratta di una piattaforma, simile a Siri, che permette di aggregare e distribuire i dati di dispositivi connessi ad internet.

La cosa propriamente interessante di SAMI, è che a capo del team di sviluppo c’è Luc Julia, ex ingegnere Apple che è stato in passato incaricato di sviluppare l’assistente vocale Siri.

Per ora le speculazioni sono molte, viste anche quelle che ruotano intorno al maggiore competitor di Samsung, ossia Apple, che sarebbe altrettanto interessato a sviluppare un proprio dispositivo indossabile, iWatch. Staremo a vedere che novità ci riserverà il prossimo anno per quanto reiguarda le tecnologie indossabili.

VIA


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: