Spesso film fantascientifici ed apocalittici ci mostrano quello che sarebbe lo scenario della terra nel caso in cui qualche immensa catastrofe naturale dovesse far scomparire l’intera popolazione mondiale. Sebbene quelle dei film siano ricostruzioni cinematografiche, Sony ha pensato di scoprire realmente come è una città abbandonata attraverso una camera legata ad un elicottero, la Action Cam, che è andata in ricognizione presso la desertica Gunkanjima, isola dove è stato ambientato Skyfall di James Bond.

 gunkanjima-sony-action-cam


L’isola di Gunkanjima, conosciuta anche col nome di Hashima Island, è uno dei tanti isolotti disabitati vicini al Giappone e venne abbandonata nel 1974. Essa fu abitata dal 1887 principalmente dai minatori che estraevano carbone e dalle loro famiglie. Vennero innalzati palazzi di cemento con abitazioni piccole come celle e divenne un centro abitato a pieno titolo, sebbene le condizioni di vita erano così disagiate che l’isola è più che altro ricordata come una grande prigione.

Adesso, a Gunkanjima, sono rimasti solo edifici disastrati e vicini al crollo, dando all’isola un vero e proprio aspetto spettrale, tanto che Sony ha proprio pensato di inviare la sua nuova Action Cam, la telecamera collegata ad una sorta di elicottero, in grado di mostrare in modo mai visto prima quello che è il resto di questa città fantasma. L’aspetto interessante, secondo chi ha realizzato questo progetto, è poter dare un’idea di cosa rimarrebbe nel mondo se l’intera umanità si estinguesse.

via – foto


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: