Nonostante possa sembrare l’ennesima bizzarra trovata per permettere agli utenti di non staccarsi nemmeno per un momento dal proprio smartphone, l’idea di portare la connessione internet wireless sott’acqua ha scopi molto più nobili. L’Università di Buffalo, infatti, sta realizzando una rete internet che sfrutta le onde del suono per comunicare sotto la profondità dei mari.

  internet-sottacqua


La diffusione delle reti wireless, si sa, è in costante evoluzione. Si tenta di portare internet, infatti, in qualunque parte del mondo, per permettere ad ogni utente di essere collegato con la rete ovunque si trovi. L’ultima pensata dell’Università di Buffalo è quella di espandere ancora di più queste reti, portando internet sott’acqua. Lo scopo del progetto, in particolare, è quello di utilizzare device che risiedano nel fondo marino per monitorare costantemente la possibilità di imminenti tsunami, presenza di oli tossici, inquinamento in generale e molto altro.

I ricercatori presenteranno questo progetto, dal nome “the internet underwater: an IP compatible protocol stack for commercial undersea modems” a Taiwan a inizio novembre. L’idea, in particolare, è indirizzata a permettere a chiunque di esser messo a conoscenza delle condizioni del mare grazie a smartphone e tablet e alla connessione internet wireless sott’acqua, così che, in caso di pericolo, potrebbero salvarsi tante vite umane.

via


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: