Il mercato dei servizi di streaming musicale è in continuo fermento, ed in attesa di capire se vedremo durante il prossimo WWDC la presentazione dle nuovo prodotto Apple denominato iRadio, Spotify, Pandora, Google All Music possono da oggi annoverare tra i concorrenti un nuovo servizio molto pericoloso. Si tratta di Napster, nome che sicuramente voi tutti conoscerete e che è legato ad un servizio di pirateria musicale molto in voga diversi anni addietro. Ora questo servizio, acquisito da Rhapsody, rinasce con una nuova funzionalità di file sharing legale e sbarca anche in Italia con un servizio streaming in abbonamento.

Napster-streaming-musica


Napster può contare su un catalogo di oltre 20 milioni di brani, ed è in prova gratuita per 30 giorni, successivamente gli utenti potranno sottoscrivere un abbonamento mensile del costo di 9,95€ mensili per avere accesso offline ed a streaming illimitato, sia su desktop che sui dispositivi Android. Il lancio del servizio è avvenuto nella giornata di ieri in contemporanea in è avvenuto contemporaneamente in 14 Paesi europei: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Irlanda, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Portogallo, Spagna, Svezia e Svizzera, Germania e nel Regno Unito.

Al momento è stata resa disponibile anche la versione di applicativo per dispositivi Android, non ha certo l’accuratezza grafica e di utilizzo di altre applicazioni simili come quella si Spotify ma risulta essere funzionale per l’utilizzo finale. Vediamo alcune caratteristiche funzionali dell’applicativo ed in generale di Napster:

  • 7 giorni di prova gratuita
  • Milioni di canzoni da ascoltare online
  • Puoi salvare le canzoni per ascoltarle offline
  • Consigli dei nostri super esperti di musica
  • Aggiungiamo le ultime novità ogni lunedì
  • Semplice condivisione della musica via Facebook e Twitter
  • Sincronizzazione automatica della musica fra il tuo computer e il tuo dispositivo portatile

Potete trovare maggiori informazioni su questo servizio di streaming musicale direttamente sul servizio direttamente sul sito ufficiale.

 


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: