Louisiana: le forze dell’ordine informano che un bimbo di soli 8 anni ha intenzionalmente sparato e ucciso la sua anziana badante, Giovedi sera, dopo aver giocato al famoso videogioco “Grand Theft Auto IV“. Secondo la WAFB-TV, la donna, é stata oggetto di un colpo di pistola alla testa mentre era in salotto a guardare la televisione, e anche, se il motivo dello sparo è sconosciuto al momento, gli investigatori hanno potuto constatare che l’omicida é proprio il bambino che la donna stava accudendo…

GTA-4-uccide-nonna-badante


GTA IV non ha bisogno di presentazioni dato l’enorme successo, é sicuramente un video-gioco in cui la violenza la fa da padrona, e la brutalità viene  associata a premi e punti distribuiti agli smanettoni attraverso, in poca sostanza, l’uccisione della gente che popola la strada, questo é il gameplay di GTA ed a questo stava giocando il bimbo di soli 8 anni… pochi minuti prima che si verificasse l’omicidio

La povera donna, che è stata identificata come Marie Smothers, era (purtroppo dobbiamo usare il passato) l’attuale badante del ragazzo. Al momento le notizie non sono chiare, non si sa se fosse la nonna o solo un’anziana badante, se avesse 87 anni o fosse oltrei i 90… Il ragazzo, la cui identità non è stata resa nota, è stato riferito, era sotto la custodia della donna. Inizialmente é stato riferito che lo sparo é stato accidentale ma dopo un’accurato esame della scena del crimine la polizia afferma che il bimbo ha sparato intenzionalmente… La pistola usata nella sparatoria é risultata appartenere alla vittima, probabilmente molto mal custodita…

In merito al triste accaduto ci tornano in mente le dichiarazioni di alcuni esperti che hanno a lungo discusso sulla questione se videogiochi, i programmi TV o i film possono innescare comportamenti aggressivo e violenti nei giovani: nel mese di aprile, uno studio pubblicato sulla rivista Youth Violence and Juvenile Justice ha dimostrato un forte legame tra videogiochi violenti e la violenza giovanile…

| via


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: