Fino a poche settimane fa si parlava di Samsung come il nuovo colosso del settore mobile, l’azienda che era riuscita nell’impresa quasi titanica di scalzare Apple dal trono delle vendite di smartphone. Il Galaxy S4 sembrava il cavallo di troia che aveva sfondato le difese nemiche permettendo al produttore coreana un percorso in discesa verso una continua crescita nel campo mobile. Ma il settore tecnologico ha delle mutazioni improvvise ed a tratti inaspettate, segue dei meccanismi e logiche spesso difficilmente spiegabili, ed è così che ora, in questo inizio di estate l’avanzata di Samsung sembra essersi già arenata, impantanata.

Samsung-galaxy-design


Lo smartphone di punta Galaxy S4 dopo una partenza col botto, ha visto progressivamente diminuire le proprie vendite, tanto che ora sembra ormai scomparso dalla scena mondiale, si sente parlare poco e nulla di lui, se non per le numerose varianti che il produttore coreano Samsung sta proponendo di tale prodotto. Anche il segnale dello stop anticipato alla produzione del Galaxy S3 non è un segnale di certi incoraggiante. Alcuni imputano questa battuta di arresto come causa proprio del Galaxy S4, che non avrebbe trainato il colosso coreano come ci si attendeva, altri invece indicano nella crisi economica e nella saturazione del mercato occidentale le cause di questa discesa. In molti nei piani alti Samsung si stanno interrogando su cosa fare, proprio ora che il sorpasso sulla rivale di sempre Apple era stato effettuato, ma la sensazione di vittoria potrebbe durare poco e l’azienda potrebbe aver deciso di accelerare sulla progettazione di nuovi prodotti rivoluzionari abbandonando la solita fucina di smartphone e tablet di ogni genere e modello.

Vedremo come andrà a reagire l’azienda a queste prime schermaglie di arresto, Samsung ha tutto il background e il capitale per resistere in questo settore, dove è uno dei maggiori produttori sia di dispositivi che di componentistica, ma l’idea di poter dominare il mercato per ora resta ferma in un cassetto.

| via


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: