Se al momento la modalità migliore, e più immediata, per comunicare con chi si trova a distanza sono le onde radio, le reti GSM o UMTS, in un prossimo futuro le cose potrebbero cambiare. Degli studiosi inglesi, infatti, stanno sperimentando un modo per permettere alle sostanze chimiche di inviare messaggi che possano esser captati da trasmettitori.

 comunicazione-molecolare-chimica


L’esperimento effettuato da due scienziati di York ha previsto l’utilizzo di una sostanza davvero particolare: la vodka. Grazie a questa bevanda, infatti, gli studiosi sono riusciti a trasmettere a distanza un messaggio, captato poi da un dispositivo, ai fini di dimostrare come le sostanze chimiche possano permettere agli uomini – o ai robot – di comunicare.

Ovviamente, il processo descritto non è nuovo nell’universo. Basti pensare agli animali o alle piante, e a come questi comunichino tramite il rilascio di feromoni. In particolare, l’esperimento effettuato si è compiuto tramite della vodka, la quale è stata spruzzata e per mezzo di un ventilatore incamerata in un dispositivo. Quest’ultimo, poi, ha abbinato i vari gradi di concentrazione alcolica ad ogni lettera dell’alfabeto, riuscendo a tradurre in parole quanto “vaporizzato”.

Stando all’esperimento portato a termine con successo, dunque, gli scienziati di York hanno dimostrato che attraverso le sostanze chimiche è possibile trasmettere messaggi, il che potrebbe aiutare lo sviluppo di nuove forme di comunicazione molecolare.

via


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: