Facebook negli ultimi anni è sicuramente diventato il colosso nel campo dei social network, con l’azienda di Zuckerberg che sta cercando di espandere maggiormente i propri ervizi offerti per cercare di mantenere, sulle proprie pagine, il maggior numero di utenti e per il maggior tempo possibile.Ma Stando agli ultimi dati registrati da Socialbakers, che ha monitorato l’andamento dello stesso in USA e Regno Unito, sembra che ci siano dei piccoli segnali di cedimento per FB, tanto che nell’ultimo mese ha perso 6 milioni di utenti in America e 1 milione nel Regno Unito.

Zuckerberg-Mark


La ricerca è stata eseguita nei due paesi che hanno visto per primi propagarsi l’esplosione del fenomeno Facebook, che ora sta vivendo una frenata a causa del probabile raggiungimento del punto di saturazione tra gli utenti ma anche della crescita dei competitors. Sembra che una minaccia pericolosa per Zuckerberg e soci possa essere il nuovo social di condivisione denominato Path, nato proprio da un ex dipendente di Facebook, David Morin, il quale sarebbe crescendo a ritmi vertiginosi di un milione di utenti a settimana e raggiungendo ormai un traffico globale molto vicino ai dieci milioni di persone.

Path-social

L’idea che sta alla base di Path e che si contrappone a quanto vediamo invece su Facebook, è che gli utenti possono condividere i loro pensieri, immagini, notizie, musica e quant’altro solamente ad una cerchia ristretta di 150 persone, nessuna di più. Il servizio è equipaggiato inoltre da un accattivante grafica e da dei servizi aggiuntivi acquistabili quali filtri per fotografie, Peanuts sotto forma di stickers per abbellire le conversazioni e molto altro, il tutto senza ombra della fastidiosa pubblicità che notiamo invece su Facebook.

Se Path potrà davvero rappresentare un pericolo per Facebook sarà il tempo a dircelo, certo è che la battaglia dei social network sta diventando sempre più agguerrita a colpi di nuove funzionalità ed interazioni varie.

| via


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: