Facile, per un medico, eseguire un prelievo di sangue. Tieni il braccio, trovi più o meno facilmente la vena, ed esegui l’estrazione. Se però questa operazione dovesse esser compiuta tante volte al giorno da ricercatori non esperti nel prelievo la faccenda potrebbe complicarsi: ecco perchè la start-up Veebot ha inventato un robot in grado di prelevare, in tutta autonomia, il sangue dal braccio dell’uomo.

robot-prelievo-sangue


Anche se l’idea potrebbe fare un pò impressione, ricordando, vagamente, qualche film fantascientifico nel quale i robot prendono il predominio sull’uomo, l’invenzione posta in essere da Veebot, start-up presente a Mountain View, in California, sarà di forte utilità nei laboratori scientifici.

I ricercatori dislocati nei vari istituti scientifici, infatti, compiono studi e test che richiedono, molto spesso, l’utilizzo di sangue umano. Per poterlo prelevare è ovviamente necessario eseguire dei prelievi sull’uomo, operazione della quale non tutti sono capaci. Così, proprio per ovviare a questo problema, visto spesso anche l’alta mole di prelievi necessari, è stato creato questo robot in grado di prelevare, in piena autonomia, del sangue.

Basta inserire il braccio all’interno dell’apparecchio, e, dopo che la macchina lo blocca, fuoriuscirà l’ago per prelevare il sangue. Il dispositivo raggiunge nell’83% delle volte la giusta vena: gli inventori attendono però che questa percentuale giunga al 90 per poterlo commercializzare.

via


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: