Amazon avrebbe acquisito uno studio di gaming chiamato Double Helix Games. La conferma arriva ai ragazzi di TechCrunch da parte della stessa Amazon, anche se i termini finanziari dell’affare non sono stati resi pubblici. La società con sede ad Irvine, California, è stata fondata nel 2007 dalla fusione di due studi di sviluppo di videogame molto conosciuti, ossia The Collective, Inc. e Shiny Entertainment; oggi Double Helix Games conta 75 impiegati che diventeranno parte dell’organico di Amazon, pur continuando ad operare come fatto in precedenza.

DOUBLE HELIX


La notizia dell’affare è trapelata a causa di un invito, per ampliare l’organico, organizzato da Amazon e Double Helix Games, che si terrà il 13 febbraio a Los Angeles. L’annuncio ufficiale dell’acquisizione è stato pianificato, probabilmente, proprio per la stessa data.

Amazon ha fornito a TechCrunch la seguente dichiarazione in relazione all’affare:

Amazon ha acquisito Double Helix come parte del nostro continuo impegno a costruire giochi innovativi per i consumatori.

In realtà l’accordo con Double Helix si presta ad alimentare le voci recenti secondo cui Amazon si sta preparando a rilasciare una propria console videoludica nei prossimi mesi. La scorsa settimana, il blog VG247.com, relativo all’industria video ludica, ha riportato che l’azienda è al lavoro per lanciare un device, con base Android, dedicato ai giochi e al divertimento, che dovrebbe avere un prezzo di circa $300 e competere direttamente con Sony, Microsoft e Nintendo.

Rumors relativi ad una console Amazon sono in giro da un po’: la scorsa estate si era parlato di un sistema Qualcomm con cui l’azienda avrebbe avuto intenzione di debuttare. Alla richiesta dei ragazzi di TechCrunch, riguardo le speculazioni sulla console, Amazon ha evitato di rispondere.

La sezione di sviluppo videogames, Amazon Game Studios, è stata presentata nel 2012, ma gli sforzi dell’azienda sul fronte gaming sono stati, da allora, abbastanza tranquilli e con pochi titoli degni di nota. L’acquisizione di Double Helix porterebbe sicuramente ad Amazon un tenore più high-profile ed IP di ottimo valore.

Double Helix ha alle spalle molti giochi popolari negli ultimi 20 anni considerando il lavoro di Shiny e The Collective. La prima, ad esempio, è stata a capo di classici come “Earthworm Jim,”“Sacrifice, MDK” e “Enter the Matrix,” mentre The Collective ha curato titoli come “Indiana Jones e la tomba dell’imperatore”, “Star Wars Episodio III: La vendetta dei Sith” e “Buffy l’Ammazzavampiri”.

Anche sotto il nome di Double Helix, il gruppo ha firmato un numero interessante giochi. Il più popolare risulta essere “Killer Instinct,” ma attraverso gli anni sono stati molti i giochi per PC e console, come ad esempio “G.I. Joe: The Rise of Cobra”, “Green Latern: Rise of the Manhunters”, “Silent Hill: Homecoming”, e “Front Mission Evolved” tra i tanti. Si tratta specialmente di action games provenienti da importanti blockbuster.

Se Amazon deciderà di affidarsi all’azienda per dare nuovo impulso al suo settore gaming, potremmo scoprirlo solo nei mesi a venire.

VIA


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: