Sebbene si stia tentando, in diverse parti del mondo, di ridurre le emissioni di gas nell’atmosfera così da rendere l’aria che respiriamo più pulita, vi sono ancora città nelle quali, purtroppo, lo smog giunge fino a livelli veramente inaccettabili. Basti pensare a diverse città della Cina e a Beijing in particolare. Così, per tentare, almeno in piccola parte, a porre rimedio a questa situazione, uno scienziato olandese ha pensato di posizionare sotto la superficie della Terra uno strumento in grado di catturare le particelle di smog presenti nell’aria per renderla più pulita.

 aria-smog-scienziato


Varie città si stanno adeguando come possono per tentare di ridurre il più possibile le emissioni di gas nell’atmosfera. Diminuzione di automobili e aumento delle aree verdi, ad esempio. Quando, però, ciò non basta, bisogna vi sia uno strumento più drastico da attuare, come può essere quello pensato da Daan Roosegaarde in collaborazione con studiosi dell’Università dei Paesi Bassi.

Secondo questi scienziati, infatti, potrebbe introdursi appena sotto la superficie della Terra una bobina di Tesla tale da creare un campo elettrostatico in grado di attrarre a sè le particelle di smog presenti nell’aria come una sorta di “aspirapolvere”. Grazie a questo sistema, infatti, lo smog dell’aria verrebbe ad essere attirato sino a “cadere” per terra.

Ovviamente, ammettono gli scienziati, questo sistema non potrebbe essere la soluzione finale per pulire tutta l’atmosfera terrestre, però, creare in ogni città degli spazi di “aria pulita” potrebbe stimolare la ricerca di mezzi permanenti per disintossicare l’ambiente.

via


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: