Abbiamo visto in un articolo precedente che Apple ha provveduto a rilasciare nella serata di ieri il nuovo sistema operativo iOS 6.0.1 che ha introdotto delle migliorie per problematiche e bug riscontrati nella precedente versione del firmware Apple. Come accade in queste occasioni che vedono il rilascio di un nuovo firmware, i dispositivi A4 risultano jailbrekkabili da subito grazie all’utilizzo del tool RedSnow. Oggi vedremo la guida specifica per il jailbreak tethered di iOS 6.0.1 sui dispositivi A4.

RedSnow-logo


Specifichiamo da subito che questa procedura è specifica per i dispositivi A4, ovvero iPhone 4, iPhone 3GS ed iPod Touch 4G, per tutti i dispositivi più recenti di questi al momento non vi è nessuna possibilità di eseguire il jailbreak di questo nuovo firmware, ne del precedente iOS 6.0. Il jailbreak che andremo  a vedere nella seguente guida sarà di tipo tethered quindi il device si bloccherà ogni qualvolta verrà spento o riavviato e dovrete effettuare un particolare procedura di riavvio per rimetterlo in funzione.

  • scaricate RedSnow nella sua ultima versione 0.9.15b3 che potete trovare sulla nostra pagina Redsnow All Versions;
  • scaricate iOS 6 ed il nuovo iOS 6.0.1 dalla nostra pagina Tutti i Fimrmware download e aggiornate il vostro device A4 all’ultimo firmware iOS 6.0.1;
Redsnow-0915
  • aprite RedSnow e posizionatevi in Extras –> Select IPSW ed selezionate iOS 6.0 (non iOS 6.0.1), quando il programma avrà identificato il firmware cliccate su Back e tornate alle schermate precedenti di RedSnow.
Redsnow-0915-2
  • ora dovrete cliccare su  Jailbreak e selezionare Cydia seguendo poi le indicazioni per mettere il device in modalità DFU. Completata la procedura, selezionare “Autoboot this device when it connects in DFU mode“, che permetterà di avviare il vostro dispositivo in modalità tethered.

Ogni qualvolta andrete a spegnere o a rivviare il dispositivo, effettuate un riavvio tethered andando ad aprire RedSnow e cliccando su Extras e Just Boot.


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: