Ormai è ufficiale: l’evento Apple previsto per il 12 settembre sarà probabilmente la vetrina per presentare il nuovo iPhone 5. Ormai abbiamo idee molto chiare sulla struttura del dispositivo, mentre continuano a trapelare immagini dei suoi componenti: eccone di nuove riguardo la batteria del nuovo Apple-device!


Le immagini sono state pubblicate dal negozio di riparazione iResQ, con sede in Kansas, e mostrano la batteria perfettamente incastrata nel guscio posteriore di iPhone 5. Il sito è già stato nell’ultimo periodo una fonte di numerose immagini riguardanti componenti del presunto iPhone di nuova generazione.

Sembra proprio che siano riusciti a mettere le mani su una batteria:

Per aiutarvi ad andare avanti, abbiamo voluto mostrarvi su cosa siamo riusciti a mettere le mani… la batteria del prossimo iPhone!

Insieme con tutte le altre parti che avevamo già assemblato, abbiamo posizionato la batteria di iPhone 5 là dove abbiamo pensato si sarebbe perfettamente incastrata. E indovinate un po? Si tratta di una misura perfetta ancora una volta.

Le differenze principali tra la batteria di iPhone 5 e quella di iPhone 4S:

  1. La batteria di iPhone 5 è poco meno di mezzo pollice più alta di quella di iPhone 4S. Lo spessore sembra essere identico.
  2. Quella di iPhone 5 è 3.8V/5.45Whr mentre quella di iPhone 4S è 3.7V/5.3Whr.
  3. Il connettore su iPhone 5 è non solo diverso, ma è collocato sul lato opposto della batteria per ben adattarsi alla sua nuova posizione all’interno dell’iPhone.

Per aiutarci a confrontare le dimensioni, il sito ha anche pubblicato una foto comparativa della batteria di iPhone 5 e di quella di iPhone 4S.

La perfetta adattabilità al guscio che avevamo visto in precedenza, rende ancora più probabile che ciò che abbiamo visto sin ora riguardo il nuovo iPhone (batteria, telaio, guscio posteriore, scheda madre, etc..) sia effettivamente una struttura realistica.

Detto questo non ci resta che aspettare il 12 settembre: ne vedremo delle belle!

VIA


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: