I device tecnologici di ultima generazione sono spesso motivo di vanto, oggetti amati e sfoggiati come trofei di cui andare fieri. In alcuni casi la bramosia provocata da questi dispositivi può diventare oggetto di tragedie inaspettate e senza senso, come accaduto ad un giovane ragazzo quindicenne di  Las Vegas, barbaramente ucciso durante un tentativo di furto del suo iPad.

ipad broken


Due giovani, Jacob Dismont di 18 anni e Michael Solid di 21, sono stati arrestati con l’accusa di rapina ed omicidio  nell’evento che ha causato la morte del teenager Marcos Arenas.

Secondo gli investigatori Arenas stava tornando a casa dal liceo tenendo tra le mani il suo iPad quando un’auto si è fermata ed uno dei due delinquenti è sceso dal veicolo aggredendolo e tentando di strappare dalle sue mani il device. Il ragazzino avrebbe opposto resistenza, venendo poi trascinato fino al SUV nel quale il ladro è rientrato; il veicolo sarebbe ripartito a tutta velocità ed il ragazzo trascinato sull’asfalto ed infine investito.

Nulla da fare per il giovane morto poco dopo in ospedale. Sconvolto il padre del ragazzo, che aveva acquistato l’iPad per il figlio solo due mesi fa.

“Perdere la vita per un iPad è totalmente ingiusto” ha rivelato Ivan Arenas al Las Vegas Review-Journal. “Mai nella mia vita avrei potuto immaginare che comprare un iPad al mio ragazzo per il suo compleanno sarebbe finita con lui che viene investito”

Il paese non è nuovo a furti di iPad, iPhone ed altri dispositivi Apple, tanto che nella nazione è stato coniato il termine “Apple picking” (testualmente “raccolta di mele”) per identificare i crimini connessi ai device dell’azienda di Cupertino.

Di fronte a queste situazione non ci sono parole per descrivere lo sdegno. Un iPad non vale tanto da perdere la vita, o da prendere quella altrui.

VIA


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: