Dopo un primo grado di giudizio che ha visto trionfare Apple sulla rivale Samsung, a causa della presunta violazione di 5 brevetti, che costerà alla sudcoreana ben un miliardo di dollari di risarcimento, adesso è la volta di Samsung ad averla vinta, la quale, stando al giudice di secondo grado, ha copiato “involontariamente” le proprietà intellettuali di Cupertino.

Apple-Samsung


Il giudizio era iniziato già un po’ di tempo fa e si era svolto presso una Corte con sede negli Stati Uniti, la quale, aveva sentenziato la violazione di 5 dei 7 brevetti pretesi lesi da Apple, onerando Samsung di risarcire danni per un miliardo di dollari. Non contenta Apple però ha proposto un ulteriore esame della faccenda chiedendo, quale ristoro, tre volte la cifra ottenuta in primo grado. Purtroppo però le cose non sono andate come sperato da Cupertino: il secondo giudizio infatti, presieduto dal giudice Lucy Koh, ha statuito che, nonostante fosse vero che Samsung abbia copiato i patent Apple, è altrettanto certo che l’azienda sudcoreana lo ha fatto “involontariamente”, non avendo cioè idea di star violando brevetti dell’azienda concorrente.

Al momento dunque Cupertino deve ridimensionare le proprie pretese, ma non vi sono dubbi che la società californiana si inventerà qualche altra strategia per far capitolare la rivale Samsung!

via


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: