Raggiunto dai microfoni di Bloomberg Television, John Sculley, ex amministratore delegato della società di Cupertino, rilascia delle dichiarazioni a proposito di Apple e della necessità che questa renda la propria catena di forniture più economica, al fine di poter realizzare l’iPhone low-cost da lanciare su mercati in via di sviluppo.

 scully-iphone-economico


John Sculley ha lavorato presso la società californiana tra il 1983 ed il 1993 quale amministratore delegato, e, intervistato a Singapore da Bloomberg Television, ha parlato della sua ex azienda e dei costi dei suoi prodotti.

Analizzando il mercato, e l’offerta di smartphone che offre, si può notare come i cellulari di nuova generazione tendano ad avere prezzi sempre più al ribasso, toccando, in alcuni casi, addirittura i 100$. Alla luce di ciò, afferma Sculley, Apple non può continuare a perseguire ostinatamente la sua filosofia senza cercare di fare un passo verso un ammodernamento della sua catena di approvvigionamento, tale da consentire di smerciare i suoi prodotti ad un prezzo più basso.

Il mercato infatti, aggiunge l’ex amministratore, tende sempre di più ad espandersi verso i paesi in via di sviluppo, trovando ormai, i paesi occidentali, pienamente saturi. E proprio per conquistare questa parte di mercato Apple dovrebbe lanciare l’iPhone low cost, un mossa di certo vicente secondo Sculley.

Le differenze tra la famiglia Samsung Galaxy e l’iPhone 5, conclude infine l’intervistato, non sono ormai così marcate, segno che la concorrenza si fa sempre più stringente e che Cupertino deve far qualcosa se non vuol esserne travolta.

 

via


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: