L’atteso aggiornamento del tablet iPad mini di Apple, che dovrebbe portare sulla tavoletta il display Retina, potrebbe arrivare più tardi del previsto e con notevoli difficoltà. Fonti vicine alla catena di fornitura dell’azienda di Cupertino, spiegano che il modello non potrà essere prodotto in quantità sufficienti tali da affrontare l’atteso trimestre di fine anno.

ipad_mini_retina-a7


Nulla di ufficiale, ma si attendeva con ansia un evento che avrebbe annunciato i nuovi modelli di iPad.

Le notizie, però, non sono confortanti per quanto riguarda la versione mini: non sarebbero assicurate spedizioni con un volume soddisfacente di pezzi da piazzare sul mercato. Una filiera di analisti della IHS iSuppli, ha rivelato che gli attuali volumi di produzione consentirebbero un arrivo solo a partire dal primo trimestre del prossimo anno, perdendo il numero consistente di vendite previsto durante le festività natalizie.

Tuttavia, i comportamenti dell’azienda americana potrebbero smentire quest’ipotesi e l’annuncio ufficiale potrebbe arrivare prima che siano effettivamente fornite quantità sufficienti per una spedizione, anche se Apple ci ha sempre abituati a presentare i prodotti nell’immediatezza della data di rilascio.

Sembra che la preparazione di un iPad con Retina display sia iniziata solo di recente e, secondo una fonte anonima, Apple avrebbe imposto severi requisiti riguardanti il risparmio energetico e le migliorie da apportare: oltre allo schermo ad alta risoluzione ed alle telecamere, si presume anche dimensioni più sottili ed un peso più leggero.

Con la nuova versione di iPad mini con display Retina, la società ha intenzione di schierarsi contro i competitors come Nexus 7 e Kindle Fire HDX, caratterizzati da display ad alta risoluzione, 7 pollici 1920 x 1200 (contro i 7.9 pollici e risoluzione 1024 x 768 dell’attuale iPad Mini). Per questi motivi, Cupertino potrebbe quadruplicare il numero di pixel dello schermo passando al display Retina, con una risoluzione di circa 2048 x 1536.

VIA


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: