Il prossimo update del sistema operativo iOS di Apple è in arrivo. Le prime indiscrezioni ritengono che l’avanzamento ad iOS 7.1 correggerà alcuni bug e migliorerà una serie di elementi dell’interfaccia utente. Le novità più interessanti, tuttavia, sono quelle che riguardano la data di distribuzione, fissata per la metà di marzo. Sembra, inoltre, che sarà attuata anche una profonda revisione del sistema di distribuzione Mobile Device Management e introdotto un Web client “Volume Services” totalmente rinnovato.

ios 7


Una fonte non verificata ha riportato ad AppleInsider che l’azienda di Cupertino è al lavoro con selezionati fornitori MDM e clienti istituzionali, per migliorare il sistema di distribuzione relativo ad iOS, e che questi miglioramenti saranno introdotti come parte dell’aggiornamento ad iOS 7.1 intorno al 15 marzo. Mentre la data rimane piuttosto vaga, la persona che ha fornito simili informazioni ha anche precisato alcune concrete nuove caratteristiche, mai viste prima, che faranno parte dell’update.

In primis, Apple ha ora un sito web attivo Volume Services con un copyright datato 2014, e, quindi, probabilmente ancora in fase di testing; in futuro, però, presenterà funzionalità innovative, consentendo a settori come l’istruzione, il governo ed altre organizzazioni aziendali, di configurare gruppi di applicazioni per dispositivi cellulari e monitorare quelle installate sui dispositivi in dotazione.

Per esempio un dirigente scolastico potrà impedire agli studenti di accedere ad alcuni siti internet e creare altre restrizioni proteggendo i profili MDM dell’istituto. Oltre a simili migliorie, iOS 7.1 dovrebbe anche finalmente implementare le tanto attese funzionalità del servizio iOS nelle automobili.

Il rilascio definitivo di iOS 7.1 arriverà dopo il rilascio di ben 5 beta che Apple ha presentato nel corso degli scorsi mesi e si suppone che raggiungerà decine di milioni di utenti che hanno l’ultima versione del software installata sui propri terminali.

VIA


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: