Foxconn assembla da anni iPhone ed iPad per conto di Apple e prodotti di elettronica di consumo per conto di altri produttori. Dalla fabbrica cinese arrivano notizie circa l’avvio del processo di assunzione di nuovi lavoratori da impiegare nella catena di montaggio del prossimo iPhone.

foxconn feat


Persone che hanno familiarità con la faccenda sostengono che il più grande produttore al mondo ha iniziato a reclutare lavoratori già negli scorsi mesi, con intenzione di impiegarli nell’impianto di Zhengzhou, in Cina orientale. In precedenza si era parlato di un blocco delle assunzioni, causato dalla domanda in calo dell’ultimo iPhone 5, ma le cose starebbero finalmente cambiando.

Secondo Bloomberg:

Foxconn ha ricominciato ad assumere a Zhengzhou circa un mese fa, con un impianto che attualmente impiegherebbe circa dalle 250.000 alle 300.000 persone, così ha detto per telefono oggi Liu Kun, portavoce della società con sede a Taipei, senza specificare quanti dipendenti siano stati aggiunti.

Ha rifiutato di commentare riguardo prodotti o clienti.

Anche il Wall Street Journal conferma il rapporto di Bloomberg, aggiungendo che Foxconn avrebbe assunto 10.000 lavoratori a settimana dalla fine del mese di marzo.

“Siamo stati molto occupati recentemente in quanto inizieremo la produzione di massa del nuovo iPhone molto presto” ha riferito un dirigente della fabbrica di Zhengzhou che ha conoscenza diretta dei piano di produzione.

Entrambi i report sottolineano che Apple è pronta per iniziare la produzione del nuovo iPhone ed il Journal prevede che quella dell’iPhone 5S avrà inizio nel secondo trimestre dell’anno, forse di pari passo con il discusso modello budget del device destinato a migliorare la posizione di mercato di Apple nei mercati emergenti.

Dopo le polemiche dell’ultimo periodo riferite al calo delle vendite di iPhone, l’azienda di Cupertino sembra procedere a vele spiegate verso quello che sarà un periodo ricco di novità interessanti.

VIA


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: