Avevamo già parlato del licenziamento del responsabile dello sviluppo iOS Scott Forstall, adesso però un ex ingegnere del team di Cupertino, Michael Lopp, affronta l’argomento rivelando come la scelta sia stata, a suo dire, sbagliata, visto che Forstall era il personaggio che più si avvicinava al modus pensandi di Steve Jobs.

 jobs-scott-forstall


Michael Lopp non risparmia critiche ai vertici di Cupertino, affermando come la scelta di licenziare Forstall sia stata un errore tra i più grossi. Secondo lui infatti l’ex responsabile iOS era una personalità non soltanto preparata, ma anche l’unica a potere continuare, nell’azienda di Cupertino, il Jobs pensiero: secondo Lopp infatti Forstall era la migliore approssimazione di Steve Jobs”.

L’ex ingegnere non crede alle motivazioni ufficiali dietro l’allontamento del responsabile iOS: la causa per la quale sarebbe stato licenziato sarebbe una riorganizzazione interna per aumentare la collaborazione tra i dipendenti, ma per Lopp la cooperazione non c’entrerebbe nulla. Anche Andry Miller, ex dirigente Apple, concorda con le considerazione del collega, affermando come Scott Forstall fosse “un ragazzo talentuoso che conosce come nessun altro la società Apple, impegnato con passione nel suo lavoro”.

Sembra dunque agli ex dipendenti che dopo il licenziamento di Scott Forstall Apple sia destinata ad un inesorabile declino.

via


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: