Una causa in corso negli USA tra ReDiGi e Capitol Records ha prodotto una sentenza molto interessante per quanto attiene la vendita di contenuti digitali usati di iTunes. Secondo infatti quanto stabilito dal giudice, gli utenti in generale non possono rivendere i contenuti digitali che sono stati acquistati dallo store di Apple iTunes. Questo crea un precedente interessante che al momento stoppa alcune idee velleitarie di creare degli servizi di vendita di musica, app, libri digitali usati.

disco-rotto


L’argomento andrà quindi approfondito bene a livello legale, il tutto è nato dalla richiesta della ReDiGi contro la Capitol Records, ed aveva ad oggetto la creazione di un mercato di brani usati, richiesta che ha incontrato però lo stop da parte dei giudici.  Da una parte la ReDiGi sosteneva che il mercato digitale dovesse essere equiparato a quello fisico, ma la corte ha rigettato questa ipotesi, mantenendo la stessa linea adottata in precedenza dal Congresso sostenendo che l’utente su iTunes  non acquista la proprietà di un brano digitale, ma soltanto il diritto ad ascoltarlo, l’utente non ha quindi alcun diritto di proprietà sulle canzoni digitali.

Al momento l’ipotesi di distribuzione di questi contenuti digitali usati non è fattibile, vedremo quale saranno gli step legali successivi in merito ed anche la reazione di Apple che in un brevetto depositato rende fattibile la possibilità di rivendita di contenuti utilizzati di iTunes.

| via


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: