Il giorno dopo che la Polizia di Victoria, in Australia, ha emesso un avviso per gli automobilisti, consigliando loro di non fare affidamento sulla Mappe di Apple relativamente alle indicazioni per la città di Mildura (a causa di un errore di percorso che ha portato molti piloti a restare bloccati in una località remota del Murray-Sunset National Park), un rapporto di The Guardian indica che Apple avrebbe corretto l’errore.


Pin viola rappresenta la posizione attuale di Mildura, il pin rosso rappresenta originale posizione errata

L’errore posiziona la città di Mildura a circa 45 miglia di distanza dalla sua posizione attuale ed ha, di conseguenza, portato numerosi automobilisti a rimanere bloccati. La polizia, dopo essere intervenuta per ripristinare il traffico, ha emesso un comunicato che indica l’utilizzo dell’applicazione Mappe di Apple  come “potenzialmente pericoloso per la vita.”

L’etichetta sulle mappe di Apple non è ancora stata aggiornata per indicare la posizione corretta di Mildura, ma il cerca e le indicazioni per la città mostrano ora nella posizione corretta. Apple quindi si é immediatamente data da fare per emettere un aggiornamento con bug fixes della sua applicazione.

È interessante notare che The Register riporta come l’errore non fosse del tutto colpa di Apple visto che anche il dizionario geografico ufficiale australiano ha incluso un percorso errato.

In questo caso, l’australiano Gazetteer – elenco autorevole di toponimi con oltre 300.000 località, completo di coordinate – comprende due Milduras. Una è la città “reale”, l’altra è una voce per la “Città Mildura rurale”, coordinate -34,79724 141,76108. E ‘questa seconda voce che punta verso il centro del Murray-Sunset National Park, proprio vicino a un luogo chiamato Lago di Rocket.

Il rapporto rileva che relativamente a a questa seconda voce, Apple è caduta in errore nelle sue ricerche, infatti si tratta semplicemente del centro geografico della zona compresa all’interno della Città rurale di Mildura e quindi non corrisponde alla città reale di Mildura.

In una recente intervista televisiva con Brian Williams, Tim Cook ha chiesto pubblicamente scusa ma da questa vicenda si evince che la società, tuttavia, ha ancora una notevole quantità di lavoro davanti a sé per cercare di recuperare il ritardo nei confronti di Google Maps.


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: