Nel mercato dei dispositivi Windows Phone, Nokia controlla attualmente il 90% del marketshare. Tuttavia ci sono molti altri produttori di device Windows Phone come Samsung, HTC ed Huawei. L’acquisizione multimilionaria di Nokia, potrebbe però scoraggiare i produttori dal proporre dispositivi con sistema operativo Windows. HTC, però, forse non sarà tra queste. Anzi, alcuni suoi device potrebbero gestire sia Android che Windows Phone.

htc-one-windows-phone


Secondo Bloomberg, HTC e Microsoft avrebbero preliminarmente discusso riguardo la possibilità di eliminare i costi di licenza per Windows Phone e di introdurre l’OS come seconda opzione sugli handset HTC con sistema operativo Android. Non è chiaro se si tratterà di dare agli utenti la possibilità di selezionare, come opzione dual-boot, Android o Windows Phone direttamente sul telefono, oppure di dotare i dispositivi già esistenti (come HTC One) e futuri di una seconda versione equipaggiata con WP.

Le discussioni sono private e non sono arrivate a nessuna decisione, al momento. Le trattative hanno anche riguardato la possibilità di eliminare i costi di licenza, come avviene già per Android che non prevede costi di licenza per Google. Non è chiaro neppure se Microsoft abbia fatto una simile offerta anche ad altre compagnie.

Al momento HTC e Microsoft sono in situazioni difficili: soprattutto il partner commerciale dell’azienda di Redmond ha appena annunciato una perdita operativa di 101 miloni di dollari e continua ad affrontare una forte concorrenza sul mercato Android contro Samsung. Rinegoziare i costi di licenza potrebbe portare benefici ad entrambe le società, visto che, dopo l’acquisizione di Nokia, Microsoft teme di alienare altri produttori di dispositivi elettronici.

VIA


Per ulteriori novità rimani sintonizzato su Facebook, Twitter o Google+: